Goldman Sachs raccomanda l’oro ma applica anche i casi che aumentano il Bitcoin

Con gli Stati Uniti sul punto di dare un altro stimolo fiscale per dare uno scossone all’economia, Goldman Sachs raccomanda l’acquisto di oro in mezzo all’inflazione e ai timori di „svilimento“ del dollaro. Goldman vede l’oro salire di prezzo fino a 2.300 dollari entro il 2022.

Il gigante finanziario ha lanciato un avvertimento

Il gigante finanziario ha lanciato un avvertimento che il dollaro americano potrebbe perdere il suo status di „valuta di riserva mondiale“ dopo che la Federal Reserve ha gonfiato il suo bilancio a 2,8 trilioni di dollari questo 2020. La federazione ha stampato il denaro, necessario per il pacchetto di stimolo fornito dal governo per contribuire a rivitalizzare l’economia in COVID.

Secondo lo stratega di Goldman Jeffrey Currie, l’oro è la „valuta di ultima istanza“ e importante in questo clima in cui le monete fiat vengono svilite e i tassi di interesse spingono ai minimi storici.

L’oro, il cui prezzo oggi è di 1.975 dollari, ha raggiunto il suo massimo storico a luglio a 1.983 dollari. Secondo il Financial Times, con il dollaro che perde il suo valore rispetto all’euro, alla sterlina e allo yen, il suo status di premier è minacciato. L’oro, ha sostenuto FT, potrebbe non essere un buon investimento perché non paga un interesse ottimale. Tuttavia, il suo attuale rialzo è un „segno di tempi incerti“, è speculativo e il suo rialzo è il riflesso che altre opportunità di investimento sono meno interessanti.

Va notato che, qualunque siano le caratteristiche dell’oro, Bitcoin Trader deve farlo. Nonostante manchino migliaia di anni di storia come riserva di valore, la principale moneta criptata del mondo è passata da zero a quasi 20.000 dollari. Recentemente è passata da 10.000 a 12.000 dollari in un giorno. Investitori istituzionali come Paul Tudor Jones e Raoul Pal hanno incoraggiato i loro colleghi a indagare sulla Bitcoin e ad accoglierne una parte perché attualmente è il „cavallo più veloce“. Jones ha detto che la Bitcoin gli ricordava l’oro negli anni ’70.

Goldman non è necessariamente appassionato di Bitcoin

Goldman non è necessariamente appassionato di Bitcoin, tuttavia, ed è piuttosto improbabile che la società finanziaria raccomandi oggi il Bitcoin, nonostante l’attuale incertezza del dollaro e l’apprezzamento del prezzo della crittovaluta di riferimento.

Il 27 maggio ha annunciato un’importante conference call di discussione sulle crittocorse del 27 maggio. Crypto Twitter pensava che il gigante finanziario avrebbe fatto un’inversione di tendenza sulla Bitcoin.

Goldman ha invece raddoppiato il suo scetticismo criptato, affermando che „un titolo il cui apprezzamento dipende principalmente dal fatto che qualcun altro sia disposto a pagare un prezzo più alto per esso non è un investimento adatto ai nostri clienti“.

Goldman Sachs ha concluso che le criptovalute sono utilizzate per attività illecite, ponzies, riciclaggio di denaro sporco, ecc.

Goldman Sachs non si è resa conto che le valute crittografiche sono agnostiche e non sono né buone né cattive. È solo uno strumento, proprio come il dollaro e l’oro possono essere usati per i pagamenti o per attività illegali.

Per ora, l’incertezza apre la strada agli investitori per guardare agli asset speculativi, asset che funzionano bene durante una crisi. Goldman ha raccomandato l’oro, ma le loro argomentazioni a favore dell’oro possono essere interpretate anche per Bitcoin.